mercoledì 22 febbraio 2017

I film consigliati da FILMDAUTORE

FILM CONSIGLIATI FILM D'AUTORE | SEMPRE AGGIORNATA - Con link per l'acquisto su Amazon!

(Vi basta cliccare sul nome del film per vedere l'offerta!)



NB : 

"Per trovare il vostro film preferito in modo agevole il film interessato, vi consigliamo la scorciatoia da tastiera (CTRL + F) e subito dopo scrivete il film che vi interessa, se è nella nostra lista lo troverete in appena 1 secondo! Buona Lettura."



Mario bava




Alfred Hitchcock





Stanley Kubrick



Henri Georges Clouzot


David Miller



David Koepp




Clint Eastwood


Quentin Tarantino





Dario Argento



Lucio Fulci


Umberto lenzi



Martin Scorsese




M. Night Shyamalan




David Fincher





Denis Villeneuve



Robert Zemeckis



Bryan Jay Singer

Share:

lunedì 13 febbraio 2017

SPLIT RECENSIONE






SPLIT





Split è un film scritto e diretto nel 2016 da  M.Night Shyamalan con la grande interpretazione di James 
McAvoy.


Split la recensione approfondita




TRAMA SPLIT RECENSIONE



Il protagonista è un uomo che soffre di disturbo associativo della personalità, a causa di abusi che ha subito in età infantile. In Kevin Wendell Crumb vivono 23 personalità diverse, che  fanno alcune sedute  nella stanza di una psichiatra, la dottoressa Karen Fletcher. Quest'ultima crede che  lo squilibrio psicologico può portare ad una metamorfosi fisica.
Un giorno Dennis, una delle 23 personalità, rapisce tre adolescenti Claire , Marcia e Casey, che vengono chiuse in una cantina. Le ragazze pensano di affrontarlo per poter fuggire, ma vengono dissuase da Casey, una ragazza che ha vissuto , come il protagonista, esperienze traumatiche , che non riesce a dimenticare. Casey è l'unica che prova a razionalizzare il suo vissuto per trovare una soluzione.
Le ragazze comprendono che Dennis, l'uomo che le ha rapite ha identità diverse, tra cui Hedwing, una delle personalità che crede di essere un bambino di nove anni, il quale rivela la presenza di una terribile Bestia, pronta a uccidere le sue prede.
Nel frattempo le due ragazze Claire e  Marcia tentano invano di scappare, ma vengono scoperte dal protagonista, che decide di  chiuderle in celle diverse.
Casey è l'unica che  capisce come rivolgersi a Dannis, perché anche lei è profondamente segnata da un passato crudele, da quando è stata molestata dallo zio John, che  è diventato il suo tutore legale inseguito alla morte del padre.
La dottoressa  Fletcher  dopo aver ricevuto tantissime e mail da Barry, una delle personalità, comprende che  Kevin è il responsabile dei rapimenti, pertanto si reca  a casa sua.
Lei cerca di aiutare le ragazza rapite, ma viene drogata e catturata da quell' uomo, che sarà capace di trasformarsi ne la Bestia e di assumere una forza sovrumana
La Bestia è in grado di divorare le sue vittime, per liberare il mondo dagli impuri, coloro che non hanno mai sofferto nella vita e hanno il cuore torbido.
Nella scena finale del film si vedrà David Dunn, cameo Bruce Willis, che parla dell'Uomo di vetro e si prepara ad affrontare La Bestia.



SPLIT RECENSIONE -  James McAvoy




RECENSIONE SPLIT




Questo film è molto interessante perché affronta una tematica che affascina tutti, la psiche umana con tutte le sue sfaccettature e lati più oscuri.
Come sosteneva Freud  i disturbi della mente possono essere curati indagando nelle dinamiche inconsce dell'individuo, che esercitano influssi determinanti sul pensiero , sul comportamento e nelle relazioni con gli altri individui. In questo caso il protagonista è profondamente turbato da abusi vissuti nel passato, che hanno segnato il sopravvento di personalità diverse.
Il disturbo associativo dell'identità spesso è accompagnato dall'incapacità di ricordare il passato , e dalla sensazione di vivere da osservatore esterno i processi del proprio corpo o di parti di esso.
L' aspetto che mi ha colpito maggiormente è che le 24 personalità hanno capacità e abilità diverse , riescono a fare cose contrapposte,   e assumono comportamenti diversi.  Il protagonista non si rende conto di questa condizione  e vive in un mondo immaginario  ideato dalla sua stessa psiche. La grande sofferenza si manifesta attraverso sintomi fisici, come ne La Bestia , l'ultima personalità che incarna l'evoluzione della follia, un'identità mai rivelata al punto che la stessa psichiatra reputa inesistente.
La Bestia rappresenta un superuomo diverso nelle caratteristiche fisiche e sensoriali, che è nato  dall'unione di tutti i lati più oscuri delle diverse personalità che vivono in lui.
Kevin crea queste identità per difendersi dal male esterno, ma ciò provoca un forte squilibrio mentale che lo porterà a compiere terribili crimini.
L'attore James McAvoy è stato molto abile nell'interpretazione delle diverse identità riuscendo a modificare la voce e le espressioni del volto, consentendo di delineare  i diversi personaggi, senza avere la necessità di effetti particolari. Proprio per questa ragione non comprendo la necessità di rendere la seconda parte del film un po' fantascientifica , rappresentando La Bestia come un mostro dotato di super poteri. Non c'era motivo di esagerare in questo aspetto perché  già nella prima parte della pellicola si evince la capacità dell 'attore nell'incarnare i personaggi in modo reale e perfetto.


Possiamo dare un'interpretazIone spirituale a questo personaggio, in cui La Bestia rappresenta uno spirito imprigionato sulla terra, espressione  di tutti i turbamenti e le pulsioni represse dell'uomo. Ed è proprio il dolore che genera  nel protagonista una nuova forza, che scaglierà contro coloro che non hanno sofferto nella vita e non hanno capito il supplizio.
Il regista Shyamalan  noto per Il Sesto Senso, Unbreakable, The Village, riesce in quest'ultima pellicola a parlare di grandi tematiche antropologiche in modo accurato e con l'uso di metafore nascoste. Egli ha una buona conoscenza di psicologia che gli ha permesso di creare una pellicola di grande importanza.



BILLY MILIGAN - 24 personalità





ISPIRATO AD UNA STORIA VERA? CHI ERA BILLY MILIGAN?


Il film si ispira in parte la storia di Billy Milligan, un criminale noto negli Stati Uniti per il disturbo associativo della personalità, che lo hanno portato a rapire e violentare tre studentesse universitarie. Milligan era inconsapevole di ciò che faceva nel momento in cui non era se stesso , ma le personalità prendevano il sopravvento. Questo disturbo era nato a causa degli abusi subiti dal patrigno.
Milligan tentò più volte di uccidersi, ma non ci riuscì perché una delle sue 24 personalità gli impedì di farlo.
Nel momento in cui fu arrestato, ogni volta che veniva processato ciascuna identità raccontava una versione dei fatti diversa. una volta appariva fragile e sensibile, la volta seguente arrogante aggressivo e presuntuoso. Dopo vari processi Milligan fu considerato non colpevole per infermità mentale, e per questa ragione fu trasferito all'Athens Mental Health Center, in Athens (Ohio), per ricevere le adeguate terapie, stabilite dal dottor David Caul.




IL PREDESTINATO-UNBREAKABLE      




Il Predestinato Unbreakable Nell'epilogo si fa un riferimento all'uomo di vetro del film Il Predestinato Unbreakable, in cui viene narrata la storia di un uomo, interpretato da Bruce Willis, sopravvissuto in un incidente ferroviario. Nel momento in cui si risveglia nell'ospedale  gli rivelano che è stato l'unico sopravvissuto  alle 131 vittime dell'incidente. Un giorno trova un biglietto posto sulla sua auto in cui vi è scritto : Quanti giorni della tua vita sei stato malato? non ricordandolo, decide insieme al figlio di recarsi  all 'indirizzo scritto sul biglietto. I due incontrano un uomo, Elijah, malato di osteogenesi imperfetta, che espone al protagonista la sua Terra, secondo cui esiste nel mondo una persona, dotata di una forza sovrumana, ma non consapevole delle sue potenzialità. Non convinto di ciò decide di allontanarsi, ma inseguito ad alcuni eventi e flashback dell'incidente, inizia a credere ad Elijah, ed usa le sue potenzialità per fare del bene.
 Inseguito scopre la vera personalità di Eliah che ha commesso atroci crimini per trovare il suo opposto e approvare ciò in cui ha sempre creduto.
Il film Split fa riferimento a questa pellicola, per la presenza di un uomo dotato di una forza che non riesce a contenere ma finalizzata per il bene comune. In questa pellicola si contrappone alla figura che incarna il bene, il male pronto a commettere atroci crimini pur di raggiungere i suoi scopi.
Il regista è molto affascinato dalla tematica de doppio che riprende in questo film, in cui il protagonista non è consapevole di possedere una grande forza e non ricorda il momento in cui questa doppia identità prende il sopravvento.




split recensione




CURIOSITA' SPLIT 




-Il protagonista doveva essere interpretato da Joaquin Phoenix , ma non riuscendo a trovare un accordo con il regista, quest'ultimo ha ingaggiato James Mc Avoy.

-La sceneggiatura del film è stata scritta dallo stesso regista Shyamalan.

- M. Night Shyamalan è noto per aver girato film di altissima tensione. I suoi più conosciuti sono The Sixth Sense - Il sesto senso, Lady in the Water e The Visit.



TRAILER SPLIT ITALIANO








Share:

mercoledì 18 gennaio 2017

ALLIED UN'OMBRA NASCOSTA RECENSIONE




ALLIED UN'OMBRA NASCOSTA



ALLIED UN'OMBRA NASCOSTA




Si tratta di un film diretto nel 2016 da  Robert Zemeckis con Brad Pitt e Marion Cotillard.
Nel Marocco 1942 il comandante inglese  Max Vatan interpretato da Brad Pitt, giunge a Casablanca per conoscere Marianne Beausejour,rappresentata da Marion Cotilard, con lo scopo di collaborare in  una missione contro il governo tedesco. Le due spie devono riuscire a farsi invitare dall'ambasciatore tedesco e ucciderlo.
 Max e Marianne riescono a compiere il loro incarico ufficiale, e si innamorano decidendo di andare a vivere insieme a  Londra.
I  protagonisti  si sposano e danno alla luce una bambina. Tutto sembra andare per il meglio fin quando Max Vatan scoprirà un terribile segreto che renderà la sua vita un tormento.




RECENSIONE ALLIED UN'OMBRA NASCOSTA 



Il film è stato realizzato  con dettagli precisi, la stessa macchina da ripresa non si lascia sfuggire nulla per fornire al pubblico preziose indicazioni: si noti la scena in cui il protagonista Max , che dubita della moglie, intravede dallo specchio di casa sua tutti i gesti di Marion, incominciando a diffidare di ogni cosa
La pellicola  ricorda in alcuni tratti  Mr and Mrs Smith per questa ragione risulta coinvolgente. Il regista narra una storia romantica ed emozionante, che si contrappone ad  uno scenario di guerra freddo e spietato.
Nella prima parte del film il rapporto professionale della coppia si trasformerà in un forte sentimento, rafforzato con la nascita di una  bambina. Dopo viene narrata la seconda parte del film, ambientata a Londra, più problematica.
Si noti in una scena del film la caduta di un aereo bombardato ,che sembra presagire un terribile evento, pronto a distruggere tutto, Zemeckis riesce attraverso un' esplosione visiva di colori e suoni  a farci vedere che la guerra è sempre pronta a rovinare la festa della vita.




Marion Cotilard e Brad Pitt - Allied



ALLIED - UN AMORE DIFFICILE (SPOILER)



Brad Pitt ha realizzato perfettamente il personaggio, costretto  a fare una scelta difficile: credere alla donna che ama, o compiere il dovere da comandante?
Nel momento in cui scopre una terribile verità decide di continuare a lottare per quell'amore a cui aveva creduto, e di scappare per salvare la sua famiglia, ma la storia non terminerà come aveva previsto.
Marianne è una seducente spia francese che inizialmente vuole ingannare Max, per portare al termine il suo compito, ma   inseguito scoprirà di provare dei veri sentimenti per quell'uomo con cui ha vissuto forti emozioni. Molto commovente l' epilogo finale della pellicola in cui Marianne consapevole di ciò che poteva accadere, decide di scrivere una lettera alla figlia, per dimostrarle tutto il suo amore, anche con il passare degli anni. 
Marianne è una spia tedesca, che non solo ha tradito solo il governo inglese , ma ha tradito il suo uomo a cui ha giurato fedeltà eterna. Lei sa del terribile errore che ha commesso, ma non può tornare indietro,spera solo di andare avanti e di non essere scoperta. Inseguito alle indagini il governo è sicuro che Marianne è una spia tedesca, pertanto il marito dovrà ucciderla,  e se deciderà di sottrarsi verrà ucciso inseme alla moglie.
I due protagonisti non riusciranno a scappare come previsto, e  Marianne prenderà una decisione molto dura e difficile da accettare: sceglie di suicidarsi, perché lei ha commesso quell'errore, e non vuole per nessuna ragione che il marito deve pagare per  i suoi sbagli.
La coppia Cotillard e Pitt risulta molto complice e perfetta nella riuscita del film.


 coppia Cotillard e Pitt ballo





CURIOSITA' ALLIED



-Brad Pitt sembra molto interessato a questo genere di film ambientati nella Seconda guerra mondiale, infatti ha realizzato molti ruoli ambientati nel passato come ad esempio Bastardi Senza Gloria di Tranatino e Fury di David Ayer, riuscendo sempre a immedesimarsi perfettamente nel ruolo.

-Il produttore e sceneggiatore Knight ha dichiarato di essersi ispirato a una storia vera che gli avevano raccontato quando aveva 21 anni.

-I costumi indossati dai protagonisti si ispirano ai film come Casablanca e New Voyager.









TRAILER ITALIANO ALLIED UN'OMBRA NASCOSTA 





Share:

martedì 17 gennaio 2017

LA VERA STORIA DI JACK LO SQUARTATORE - FROM HELL RECENSIONE




LA VERA STORIA DI JACK LO SQUARTATORE FROM HELL




LA VERA STORIA DI JACK LO SQUARTATORE  RECENSIONE





TRAMA




In un'atmosfera vittoriana  che ricostruisce perfettamente la Londra del 1888, si susseguono terribili eventi che riguardano alcune prostitute del quartiere di Whitechapel.
Un giorno una donna di nome Ann Crook, un'ex prostituta, uscita dal giro perché ha sposato un ricco pittore con cui ha avuto una bambina, viene coinvolta in una scena raccapricciante.La giovane donna viene portata via insieme al marito, da un gruppo di uomini dall'aria aristocratica.
Sconvolte per la terribile visione, le amiche  pensano di aiutare  la figlia di nome Alice, decidendo di affidarla alle cure dei suoi genitori, ma quella stessa notte accade un evento inaspettato:una delle prostitute viene brutalmente assassinata.
Iniziano le indagini che vengono affidate all'ispettore Frederick Abberline, un giovane poliziotto dotato di grandi capacità sensitive, che si rifugia nel alchol e droga dopo la morte della moglie, nel dare alla luce un bimbo morto. L'ispettore scopre che la vittima è stata mutilata dopo essere stata assassinata, ed inizia a pensare che l'aggressore sia un uomo esperto di anatomia umana per la precisione in cui asporta gli organi alle vittime.
Inseguito a questo tragico evento si susseguono altre uccisioni,  pertanto l'ispettore grazie all'aiuto di una prostituta dai capelli rossi Mary Kelly, amica delle vittime, viene a conoscenza di  sconcertanti rivelazioni riguardo Ann Croock, la donna che è stata rapita in passato.
 Frederick scopre che Ann è stata ricoverata in un istituto per malattie mentali, e decide di andarla a trovare insieme a Mary Kelly per capire e cosa le è accaduto. Quando entrambi giungono ne l'ospedale trovano la povera ragazza incapace di relazionarsi a causa di una lobotomia, nonostante ciò  Ann dice  di essere una regina perché sposata con Albert, un giovane principe.Dopo alcune indagini l'ispettore comprende che Albert è  il principe Edward Albert Victor, nipote della regina Vittoria e legittimo erede al trono d'Inghilterra.
 Frederich, va da un chirurgo molto noto Sir William e chiede consiglio , rivelandogli che  Edward si è sposato segretamente con una prostituta da cui ha avuto una figlia, e che al matrimonio erano presenti le prostitute , amiche di Ann. Sir Will non smentisce nulla ma gli rivela che il principe non può aver ucciso quelle donne perché è malato di sifilide.
Inseguito l'ispettore dice a Mary Kelly e alle sue amiche di nascondersi perché probabilmente Jack lo squartatore vuole ucciderle, in quanto presenti a quella cerimonia. Nonostante ciò jack scopre il nascondiglio e commette un  atroce delitto, il più terribile di tutti, ma  scambia Mary Kelly per la povera Ada. Infine Abberline capirà la vera identità di Jack Lo Squaratore, un uomo psicopatico che viene dall 'inferno.




LA VERA STORIA DI JACK LO SQUARTATORE - FROM HELL  RECENSIONE






CHI ERA DAVVERO JACK LO SQUARTATORE?




la vera storia di Jack Lo Squartatore è un film che racconta un dramma realmente accaduto, di cui nessuno è davvero riuscito a capire la verità. La pellicola spiega un'ipotesi di ciò che è accaduto che potrebbe essere concerne alla realtà.
Sicuramente Jack era un uomo che soffriva di problemi psichici, ma nella sulla follia c'era una ragione per cui commetteva questi terribili delitti , egli uccideva le prostitute in un modo spietato e perverso, sgozzava le vittime per poi infierire sui corpi mutilandoli.
Alcuni in passato sospettarono che l'assassino appartenesse a una classe sociale umile, altri invece ipotizzarono che Jack fosse un medico o un aristocratico. Il numero dei sospettati superarono il centinaio.
Molti anni dopo alcuni giornale pubblicarono la notizia che il DNA dell'assassino era compatibile a quello di un barbiere ebreo polacco, che è stato ricoverato per schizofrenia ed è morto inseguito ad una gamba in gangrena. Inseguito capirono che il DNA non era compatibile. Successivamente il documentarista Feldman nel libro  The Final Chapter ipotizzò che Jack Lo Squartatore era James Maybrick, un commerciante di Liverpool, ucciso dalla moglie.




RECENSIONE LA VERA STORIA DI JACK LO SQUARTATORE - FROM HELL 




Il film diretto nel 2001 da Albert e Allen Hughes è tratto da graphic novel From Hell di Alan Moore e  Eddie Campbell, ispirata alla teroria di Stephen Knight nel libro Jack The Rippe: The Final Solution. Il film realizzato da grandi attori come Johnny Depp,  Ian Holm e Heather Ghaham, mette alla luce una Londra cupa e misteriosa , nascondendo gli istanti più terribili, tranne nella parte finale, suscitando una grande suspense nello spettatore.Il titolo From Hell è stato scelto perché quel luogo ricorda l'inferno in cui le stragi si susseguono in modo feroce, e sembrano dei dannati tutti coloro che sono coinvolti in questa sanguinosa storia.
I fratelli Hughes hanno realizzato una pellicola molto interessante in cui l'intreccio della trama funziona perfettamente nel contesto e risulta credibile.
L'ispettore Abberline, è l'unico che riesce  ad intrattenere un dialogo sia com l'alta nobiltà, ormai decadente e sia  con i quartieri più poveri, riuscendo a scoprire la verità, che verrà nascosta perché considerata troppo scomoda. Abberline è un uomo con un passato molto triste alle spalle, ed ancora una volta la vita lo costringe ad affrontare ostacoli difficili da superare. Egli si è innamorato di Mary Kelly, ma sa di non poterla raggiungere, per non mettere in rischio la sua esistenza, così decide di vivere lontano da lei, in modo da garantirle un futuro.
Io penso che l'ispettore ha deciso di porre fine alla propria esistenza , perché non riusciva ad accettare la separazione dalla donna amata. Particolarmente triste è la scena finale in cui Abberline chiude gli occhi, con l'immagine di Mary Kelly nel luogo che avrebbero dovuto condividere insieme.
Jack lo squartatore interpretato da Ian Holm ,è un uomo colto che  soffre di doppia personalità : di giorno è un rispettoso medico che compie il proprio dovere, di notte si trasforma in un terribile mostro spietato con le sue vittime. Sir William non ha voluto sottrarsi alla volontà della massoneria, a cui apparteneva, e del principe Albert, pertanto disposto a fare qualunque cosa per portare al termine la sua missione, che consisteva nell 'uccidere le traditrici presenti in quella cerimonia. Sicuramente il dottore soffriva di schizofrenia, e la passione per il proprio lavoro si era trasformata in qualcosa di assurdo e brutale, al punto di gioire nel momento in cui mutilava le sue vittime. Si noti nel film la scena finale in cui il dottore sembra è soddisfatto della strage che ha commesso, e ripete a se stesso tutte le caratteristiche degli organi umani, fiero di osservarli da vicino.


johnny depp - la vera storia di jack lo squaratore






RICONOSCIMENTI


La pellicola ha ottenuto  riconoscimenti :

2001 - Satellite Award
Nomination Migliori costumi a Kym Barrett
2002 - Saturn Award
Nomination Miglior film horror
Nomination Miglior attore protagonista a Johnny Depp
Nomination Migliori costumi a Kym Barrett
2002 - Premio Bram Stoker
Nomination Miglior sceneggiatura a Terry Hayes e Rafael Iglesias
2002 - Black Reel Awards
Nomination Miglior film a Amy Robinson, Don Murphy e Jane Hamsher
Nomination Miglior regia a Allen Hughes e Albert Hughes
2002 - International Horror Guild
Nomination Miglior film









PER SAPERNE DI PIU'




-In una scena del film appare Joseph Merrick, conosciuto come l'uomo elefante, a causa dei suoi problemi estetici.


Joseph Merrick


- Nel film vi è un continuo riferimento ad una legenda ,secondo cui gli ispettori del passato facessero uso di assenzio per condurre scrivere meglio opere che imprimessero le sensazioni. Si tratta dello spleen di cui parlava Charles Baudelaire
-Nella scena  finale del film il sergente Godley  recita all'ispettore Abberline un verso tratto da Amleto di Shakespeare, detto da Orazio ad Amleto, quando è morto




jack lo squaratore




TRAILER ITALIANO



Share:

venerdì 16 dicembre 2016

SECRET WINDOW : LA RECENSIONE


Il film, basato sul racconto SECRET WINDOW, SECRET GARDEN di Stephen King (e pubblicato nella raccolta QUATTRO DOPO MEZZANOTTE), è uscito nel 2004.
Un thriller abbastanza avvincente, con un finale a sorpresa.




 SECRET WINDOW : LA RECENSIONE
 SECRET WINDOW : LA RECENSIONE




TRAMA



Mort Rainey  è uno scrittore che vive in una casa in montagna , e vi abita da solo da quando l' ex moglie, Amy, l'ha tradito con Ted, il suo nuovo compagno.
Mort non è più lo stesso uomo di un tempo è sprofondato in  una grande depressione e trascorre la maggior parte del tempo a scrivere , mangiare patatine fritte e  dormire, nel tentativo di dimenticare ciò che gli è successo. Un giorno giunge a casa sua un uomo di nome John Shooter che lo accusa di aver plagiato la  sua  storia  intitolata la finestra segreta . Shooter è un uomo con un atteggiamento minaccioso, e diventa sempre più insistente nella vita di Mort, fino a tormentarlo.


Mort Rainey in secret window


Lo scrittore decide di confrontare il suo racconto con quello scritto da Shooter e si accorge che  il suo romanzo è identico al manoscritto, tranne per il finale. Mort viene continuamente ricattato da quell'uomo, e si reca dalla polizia nel tentativo di denunciarlo, ma quest'ultima lo accoglie con poco entusiasmo. 




Giunto a casa riceve la telefonata della sua ex moglie Amy, la quale gli rivela che la loro vecchia casa è stata bruciata, e nel frattempo la donna cerca di convincerlo a divorziare, ma Mort ,che prova ancora dei sentimenti, non ci riesce.  Inseguito il protagonista riceve una chiamata dall' investigatore privato che aveva assunto per capire meglio la situazione, durante quella telefonata Kent gli da un appuntamento, ma recatosi in quel luogo, Mort  vede qualcosa di raccapricciante. Il protagonista trova Kent e altri due uomini morti in un camion. Mort sviene e dopo tre ore si sveglia decidendo di nascondere i corpi. 
Tornato a casa, il protagonista trova il capello di Shooter e nel momento in cui lo indossa vede una figura strana dallo specchio, con cui ha un dialogo sconcertante. 

"Cosa sta accadendo? perché Shooter continua a tormentarlo?   Shooter ucciderà Mort?"





SPOILER SECRET WINDOW


Come sappiamo nell'epilogo della vicenda Mort indossa il capello di Shooter e in quel momento inizia a parlare con se stesso, capendo che l esistenza di quell'uomo è frutto della sua immaginazione, e della sua follia.
Il protagonista ha ucciso Tom e Kent, e adesso è pronto a compiere il suo finale da tanto desiderato, che lo porterà ad uccidere Amy e Ted.

Johnny depp Secret window Nel momento in cui Amy giunge a casa di Mort per convincerlo a firmare le carte del divorzio  scopre un altra personalità di Mort, in preda alla pazzia. L'ex moglie terrorizzata prova a scappare , ed in quell' istante arriva Ted che  verrà ucciso da Mort, insieme ad Amy.
Dopo averli fatti sparire, Mort è rinato, non è più un uomo depresso, ma è soddisfatto di aver concluso la storia che da tanto scriveva. Egli è consapevole che nessuno potrà mai trovare le prove di ciò che è accaduto, perché tutto è nascosto in quel giardino segreto coperto da campi di grano, visibili attraverso una finestra segreta.





LA RECENSIONE DI SECRET WINDOW


La bravura del regista è la capacità di realizzare una buona  dose di suspense narrativa, rinforzata dall ottima interpretazione di Johnny Depp, sempre bravo a creare il personaggio con gesti suoi. L' attore si immedesima perfettamente nell' interpretazione di un uomo sconfortato che sviluppa una forma di follia che lo porta a riscattare con odio l' umiliazione subita dalla moglie Amy. Inoltre è geniale il modo in cui no  riesce a far trovare traccia del delitto commesso,trasformando i copri in concime per un campo di pannocchie che lui stesso mangerà. Il regista è molto fedele al racconto di Stephen King che realizza una storia  che taglia punge,  terrorizza e affascina lo spettatore al punto di ipnotizzarlo durante la lettura.




La finestra del racconto apre un varco nella pazzia del protagonista, che vive in conflitto con due personalità che non riesce a controllare. La voragine diventa un buco nero che conduce il protagonista alla più totale schizofrenia , accentuata nel momento in cui le richieste assidue del divorzio diventano sempre più insistenti. Mort ha paura di se stesso, per questa ragione ha messo in atto un meccanismo di difesa che lo ha portato a dare tutte le colpe ad un uomo malvagio inesistente che lo tormenta. In realtà egli  è tormentato sempre dal passato, senza riuscire ad andare avanti ed accettare la verità.
Tempo fa era un brillante scrittore, aveva una bella moglie che lo amava, ma da quell'indimenticabile giorno tutto è cambiato e niente può tornare come prima. Nel momento in cui indossa il cappello si rende conto di aver commesso quelle terribili azioni, e in preda alla pazzia più totale decide di uccidere la donna che tanto ha amato e allo stesso tempo odiato. Dal momento in cui ha ucciso Amy si è sentito libero e rinato perché  secondo la sua mente perversa ho concluso quella storia, scegliendo lui il finale. l' unica cosa che conta.






DIFFERENZE LIBRO


-Mort nel libro di Stephen King ha un gatto, invece nel film  il protagonista ha un cane.

-Nel racconto di King viene aggredita solo Amy che verrà salvata da un vicino, Evans, il quale ucciderà con un colpo di pistola Mort.

 -Nell'epilogo Amy trova un biglietto scritto da Shooter, e pensa che egli sia esistito davvero sotto forma di un fantasma.



DIFFERENZE LIBRO





COLONNA SONORA



Ciò che rende ancora più coinvolgente la storia sono le musiche di Geoff Zanelli , Philip Glass, che hanno realizzato una colonna sonora idonea e  che si addice perfettamente al film.



TRAILER SECRET WINDOW


Share:

STANZA 1408 la recensione

  STANZA 1408 RECENSIONE





 Il film diretto dal  regista svedese Mikael Håfström, nominato all'Oscar con Evil come Miglior Film Straniero, è un horror di qualità, dotato di grande stile narrativo. tratto da un breve racconto di Stephen King pubblicato nel 2002 all’interno della raccolta di racconti Everything’s Eventual.








Il protagonista è uno scrittore di narrativa, Mike Enslin,   che dopo la morte della figlia Kate diventa uno scettico  scrittore di saggi in cui cerca di smascherare tutti i segreti delle case stregate,
Dopo aver scritto il suo ultimo libro intitolato Dieci notti in dieci case infestate, riceve un biglietto in cui vi è scritto di non entrare nella stanza 1408. Il biglietto è stato inviato dal Dolphin Hotel di New York, e viene visto dal protagonista come una sfida, pertanto Mike decide di trascorrere una notte in quella stanza.
Il direttore dell' hotel gli vieta di pernottare, in quanto sostiene che nessuno è riuscito a sopravvivere, perché quella stanza è maledetta. Mike non crede a queste storie e decide  di trascorrere una notte nella stanza 1408, senza ascoltare  i tentativi del direttore nel fargli cambiare idea.




Nel momento in cui il protagonista entra in quella stanza parte da sola una canzone "We've only just begun" e da un apparecchio radiofonico inizia un conto alla rovescia di sessanta minuti che si riveleranno i momenti più terribili della sua vita.  Mike incomincia ad avere sconvolgenti allucinazioni, in quanto vede molte persone suicidarsi gettandosi dalla finestra; e viene ulteriormente scosso dalle continue visioni della figlia morta per un cancro.
 Il protagonista non riesce più a vivere quei momenti terribili e cerca invano di scappare da quel luogo, ma non serve a nulla perché egli si ritrova sempre in quella maledetta stanza da cui non può fuggire,si tratta di una prigione infernale.
Superati i sessanti minuti inizia nuovamente il timer, e la stanza ritorna perfetta proprio come l 'aveva trovata nel momento in cui era arrivato. Ad un tratto suona il telefono e il protagonista riesce ad avere un contatto con l'essere che vive in quella stanza. Mike gli chiede di ucciderlo per porre fine alla sua sofferenza, ma l'entità gli risponde  che gli ospiti della stanza godono del libero arbitrio e possono  scegliere più volte di rivivere quell'ora oppure usufruire del sistema rapito di check out. In quel momento lo scrittore vede se stesso uccidersi e comprende che forse l'unica soluzione è morire in quella stessa stanza , ma comprende che non deve darla vinta  a quell'entità. Cosi decide di prendere una bottiglia di cognac e dargli fuoco per distruggere il male.



STANZA 1408 dentro la stanza

 Grazie  all'allarme antiincendio il protagonista si salva , e mentre i pompieri lo liberano, lo scrittore prova a dirgli di non entrare in quella stanza ma non ci riesce perché è troppo debole. Nel frattempo i numeri della stanza 1408 si sciolgono come inchiostro e tutto cade a pezzi. Successivamente Mike decide di ascoltare il nastro in cui aveva registrato tutti gli avvenimenti accaduti in quel terribile luogo, e sente la voce della figlia Kate che dichiara il suo affetto per il padre. Questa drammatica storia è la prova che esistono davvero avvenimenti paranormali, e non si tratta di semplice follia o immaginazione.


Stanza 1408 recensione


Nel film sono stati girati tre finali , tutti diversi dal racconto originale di Stephen King.

FINALE 1 ALTERNATIVO



Mike muore  causa dell'incendio da lui stesso provocato all'interno della stanza. Inseguito al suo funerale il direttore decide di consegnare all ex moglie alcuni effetti personali del marito ritrovati nella stanza, ma la moglie si rifiuta di prenderli.
Inseguito il direttore salendo in macchina apre la scatola e vede un registratore,da cui sente la voce di una bambina, e guardando  dallo specchio retrovisore vede Mike nella stanza che svanisce.

FINALE 2


anche qui Mike muore dopo l'incendio, e il direttore dell' albergo è contento perché egli ha distrutto quella terribile stanza. dopo il funerale si vede Lily, la sua  ex moglie che sta sistemando  gli oggetti dell ex marito,ma ad un certo punto il suo agente vede un manoscritto scritto da Mike nella stanza 1408, nel momento in cui decide di leggerlo, accade qualcosa di strano.


FINALE 3


Mike e Lily decidono di tornare insieme e lasciarsi alle spalle il passato, mentre sistemano alcuni oggetti nella loro casa Lily ascolta la registrazione in cui sente la voce della figlia, e mike la guarda fissa.




stanza 1408 anteprima





RECENSIONE STANZA 1408



 Il tema di questo film è la mancata credenza in una vita ultraterrena , da parte del protagonista che inseguito alla morte della figlia ha perso ogni speranza ed invece di rinforzare la proprio credenza sull esistenza del paradiso, è giunto al punto di pensare che non esiste nulla ma solo un eterno riposo. Il protagonista non è riuscito a rinforzare la propria fede, ed il profondo dolore che ha subito lo ha portato ad allontanarsi da questa realtà. La pellicola si concentra sulla dimensione interiore del personaggio, un uomo tormentato perché convinto di non aver fatto abbastanza per la sua bambina., pertanto la stanza rappresenta tutte le angosce, gli incubi e le paure di Mike, costretto a rivivere quegli istanti perché non riesce ad andare avanti e a lasciarsi il passato alle spalle.




Lodevole è il lavoro svolto dal regista costretto a rappresentare gli eventi susseguirsi in uno spazio ristretto senza ricorrere alle moderne apparecchiature di effetti speciali e computer grafica più avanzati negli ultimi anni. Inoltre dobbiamo dare il merito a Stephen King per la realizzazione di una storia intrigante e coinvolgente che attacca e stacca, tormenta e terrorizza attraverso immagini che turbano il cuore e la ragione.
 John Cusak è un grande attore che ha reso molto significativa l' esperienza di Mike tormentato dal passato e  costretto a combattere tra la vita e la morte





CURIOSITA'



- Molto ricorrente è la superstizione del numero 13, infatti se si sommano le cifre della stanza riconducono tutte a quel numero (1+4+0+8).  Inoltre si noti che la stanza si trova al 13 piano.
In una scena i gradi della stanza sono 40 -45 (4+0+4+5) se si sommano le cifre si osserva che il risultato è sempre 13.

- Nel film è reso un omaggio ad Hitchcock , nella scena del quadro in cui il protagonista rischia di annegare facendo surf, è visibile il titolo Psycho , invece la scena della stanza colma di neve è un omaggio a Shining di Stanley Kubrick.

Seguici sui social e sul nostro sito : Filmdautore.com


TRAILER




Share:

lunedì 28 novembre 2016

LA RAGAZZA DEL TRENO



 LA RAGAZZA DEL TRENO


"Comincio a credere che non esista una soluzione. L'ho imparato dalla psicoterapia: i buchi della vita non si chiudono più. Devi crescere intorno a loro, come radici che affondano nel cemento, e devi rimodellarti intorno alle crepe."




La ragazza del treno  The Girl On The Train è un film diretto da Tate Taylor  ispirato al libro di Paula Hawkins, best seller di oltre 15 milioni di copie in tutto il mondo.
Il film  è stato interpretato da  Emily Blunt,Haley Bennet, Rebecca Ferguson, Justin Theux, Luke Evans.
La storia vede tre voci narranti: Rachel, Anna e Megan.




RECENSIONE LA RAGAZZA DEL TRENO





LA RAGAZZA DEL TRENO TRAMA



Il film racconta la storia di una giovane donna, che ha vissuto un'esistenza molto difficile a causa di un matrimonio sfortunato.
La protagonista di nome Rachel è una pendolare che tutti i giorni prende il treno, da cui vede molta gente, in particolare  quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, osserva come uno spettatore di un film, una coppia che ritiene perfetta nella sua fantasia.  Rachel è consapevole che la sua vita le è stata rubata, per questa ragione osserva il mondo esterno e cerca di capirne il significato, studiando il comportamento degli altri uomini. Non è più la stessa persona di un tempo, basta guardarla meglio occhi per capire che questo personaggio è turbato interiormente da qualcosa che la sconvolge profondamente.
Un mattino la protagonista scopre che la donna, Megan, di quella coppia felice che osservava da tempo è scomparsa nel nulla,  e Rachet decide di indagare su questa vicenda scoprendo una verità raccapricciante. Cosa è successo a Megan?

Nessuno crederebbe a Rachel, un'ubriacona, vista dallo spettatore come una persona sgradevole, e molto strana.
Per capire meglio  la storia, bisogna tornare indietro nel tempo, Rachel è una donna infelice che non è riuscita a superare il suo divorzio, ed il fatto che il suo ex, Tom, si sia risposato nuovamente, perché lei immaginava un futuro diverso, Rachel vede il divorzio come un fallimento della sua vita stessa, si è sentita abbandonata e tradita da un uomo che ha scelto una donna ,Anna,che non ha esitato a prendere il suo posto.  La protagonista in preda alla disperazione ha perso il lavoro, e ogni mattina prende il treno fingendo di andare in ufficio, guarda sempre dal finestrino del treno  Megan e Scott  una coppia che considera ideale.




LIBRO LA RAGAZZA DEL TRENO




LA RAGAZZA DEL TRENO RECENSIONE




Emily Blunt riesce a interpretare perfettamente questo personaggio, trasmettendo l'angoscia e il suo stato confusionale in modo molto reale, l'attrice coinvolge lo spettatore, rendendo la storia sempre più intrigante.
Non è facile comprendere il racconto, perché viene narrato dal punto di vista di Rachel, una donna che non sta bene psicologicamente, e che svolge un'indagine alla ricerca del suo ego turbato dai fantasmi del passato.La forza della storia risiede nella presenza di tre donne con vite diverse, apparentemente lontane tra loro, ma in realtà vicine più che mai, legate da qualcosa di inaspettato. L'autrice del racconto vuole lasciare un messaggio, vuol far capire che le donne hanno una forza dentro  che devono far prevalere sopratutto nei momenti più difficili.
La protagonista è confusa , non ricorda nulla del suo passato e cerca di fare il possibile per capire cosa le sta accadendo, non è più capace di distinguere il sogno con il mondo reale, incomincia ad aver paura di se stessa perché pensa di aver commesso qualcosa di terribile senza esserne consapevole. Rachel pensa di avere colpa su tutto, di aver causato lei il divorzio, perché da sempre vittima dell'alchool, e per questo è diventata una donna molto  fragile.  La sua vita è vista in simbiosi a quella di altre due giovani donne, che sembrano non appartenere alla sua esistenza,ma che vivono in modo apparentemente felice. Qual è il legame con Rachel? Lo scoprirete guardando il film.





Il finale della storia è molto inaspettato, infatti questo film è un thriller che deve essere visto senza sapere l'epilogo della storia, in modo da rendere l'atmosfera più interessante e coinvolgente.
Il racconto della scrittrice Paula Hawkins  è molto accattivante sopratutto perché nella storia vi sono tre voci narranti Anna , Megan e Rachel che  spingono il lettore a risolvere l 'enigma.
La curiosità di Rachel sembra la stessa del protagonista del film La Finestra  sul cortile del maestro del brivido Hitchcock, immobilizzata da scene raccapriccianti che solo lei può raccontare.
Il racconto di Paula Hawkins si ispira anche a Memento di Cristopher Nolan   , in cui il personaggio principale in preda ad uno stato confusionale cerca di ricostruire la sua vita ricomponendo i pezzi di un puzzle, con continui colpi di scena e ricordi poco nitidi.



Il regista  Tate Taylor riesce a rendere perfettamente un thriller psicologico di di sequenze crude in cui si mischia la forza fisica e mentale. Si tratta di scene audaci che mettono in confusione lo spettatore, attraverso una resa cinematografica un po' caotica. Nonostante ciò il risultato è di qualità, perché è riuscito a creare l'enfasi del libro.






TRAILER







LA RAGAZZA DEL TRENO





SPOILER




Il cattivo della vicenda, è un uomo non soddisfatto della sua esistenza, che vuole sempre creare una famiglia , non riuscendo  mai ad andare oltre e a  trovare tranquillità, perché  turbato da problemi psicologici. Questo dramma lo porta a commettere atti terribili senza giustificazione, che lo inducono a commettere violenza. Per questa ragione egli è pronto a tradire la donna con cui ha instaurato un forte legame, e a rimpiazzarla con un altra donna, senza nessun scrupolo.
Tom  si innamora di donne fragili psicologicamente proprio come Rachel, Anna e Megan, commette violenza psicologica nei loro confronti e sfrutta le loro fragilità interiori, al punto di farle sentire in colpa per ciò che non hanno realmente commesso. Tom vuole un capro espiatorio per gli atti che ha commesso, e comprende che la sua vittima  è Rachel una donna a cui nessuno crederebbe, perché turbata interiormente, e vittima dell'alchool.

Le tre donne di Tom sono legate da un destino crudele e terribile, a causa di un amore sbagliato.
Il film  si ispira a L'amore bugiardo Gone Girl  di David Fincher e scritto da Gillian Flynn, in cui la protagonista è una manipolatrice, che farebbe di tutto per annientare il compagno.
Fortunatamente in questo mondo non esistono solo questi casi, altrimenti saremmo perduti.
Share:

sabato 12 novembre 2016

ED WOOD (film) RECENSIONE



ED WOOD FILM RECENSIONE


ED WOOD RECENSIONE




ED WOOD è un film  realizzato da Tim Burton nel 1994 ispirato alla storia del regista film Edward D.Wood, interpretato da Johnny Depp che rappresenta il personaggio con estremo realismo e naturalezza. Il suo volto sempre sorridente incarna l'ottimismo di ED.
Si tratta di un regista molto amato da Tim Butron, per la  fantasia e voglia di lottare  nonostante gli ostacoli che si presentano. Ed è un uomo particolare, fuori dal comune che ama indossare abiti da donna perché vuole capire la reazione degli altri, e comprendere il senso del disturbo, perché lui non ha paura di essere giudicato, nemmeno nel mondo del cinema.


Burton vuole ricordarlo come un uomo che ha avuto un grande coraggio e creatività nella sua arte , riuscendo ad abbattere tutti i pregiudizi  presenti nel mondo di Hollywood, in cui non esiste una via di mezzo , ma solo il nero e il bianco, il brutto e il bello.
Molti hanno etichettato ED Wood come il peggior regista di tutti i tempi, senza comprendere che egli ha realizzato un film di fantascienza innovativo per l'epoca in cui viveva, grazie alla sua determinazione e creatività.
Nei giorni nostri, invece sono  resi famosi e vengono considerati celebrità personaggi, che non sanno fare nulla di concreto ma vengono elogiati solo per le loro qualità fisiche, per queste ragioni vengono realizzati "programmi-spazzatura" apprezzati da un pubblico ignorante.
La pellicola di Tim Burton è stata presentata al 48 Festival di Cannes ed ha vinto due premi Oscar: Miglior Attore non protagonista Martin Landau,( che è riuscito a rappresentare perfetamente il dramma esistenziale del suo personaggio) e Miglior Trucco.



trama ed wood




 TRAMA DEL FILM ED WOOD




Edward  sogna di debuttare nel mondo del cinema e nel momento in cui comprende che il produttore George Weiss ha bisogno di un regista per realizzare un film ispirato alla storia di Christine Jorgensen, gli chiede di sceglierlo, ma il produttore non accetta per la poca esperienza e notorietà di Ed.
Grazie all'incontro con Bela Lugosi, attore famoso in quell epoca per i film horror, ED  ottiene la regia nel film di Jorgensen. Purtroppo la pellicola si rivelerà un fallimento, e la fidanzata del protagonista gli consiglierà di realizzare un film da solo.
Ed  non ha soldi e per questa ragione stringe un accordo con il grossista Don McCoy, che accetta di produrre il film a patto che il figlio divenga il protagonista. La pellicola in questione si intitola La Sposa Del Mostro.




Successivamente il regista convince un gruppo di religiosi a produrre un suo film di fantascienza, in modo tale  da usare una parte degli incassi del botteghino per girare film religiosi; il film di fantascienza è Plan 9 From Outher Space, in cui  Ed inserisce alcune scene  di Bela Lugosi prima di morire, e ingaggia il cheropatico di Kathy, il dottor Tom Mason per impersonarlo in altre scene. Il film viene accolto con applausi dal pubblico.





PLAN 9 FROM OUTHER SPACE



PLAN 9 FROM OUTHER SPACE




Il film uscito nel 1958 venne ignorato completamente dalla critica film al 1978, anno della morte del regista.
Si tratta di un film innovativo per la trama,  e per la fantasia del regista. La pellicola inizia con due becchini intenti a sotterrare in un cimitero la moglie di un anziano signore, ma ad un certo punto la donna che stavano sotterrando appare, e li uccide. Nel mentre due piloti aereo  Jeff Trent e Danny mentre stavano volando si accorgono della presenza di dischi volanti in cielo.


Nel frattempo il marito della donna risorta, disperato per la perdita della moglie viene investito da un auto. L'ispettore Daniel Clay è pronto a investigare sulla morte dei due becchini, ma viene ucciso dai due defunti, diventati zombie,
 Jeff Trent racconta alla moglie di aver visto un disco volante in cielo, e a quel punto iniziano a sospettare che la morte dell 'ispettore nel cimitero sia dovuta agli Ufo.
Inseguito a numerosi avvistamenti, l'esercito decide di attaccare  e scacciare via gli alieni, che tornano nella loro Space Station 7 per rigenerarsi. Qui il  comandate informa il sovrano alieno che non sono riusciti a mettersi in contatto con i governi della terra. Così il sovrano attua il Piano 9 che per mezzo di onde elettromagnetiche rimetterà in vita i defunti.
Una sera la moglie di Jeff si trova sola a casa, e viene attaccata da due zombie: il marito della donna defunta e Daniel Clay, ma la donna riesce a scappare grazie all'aiuto di un automobilista che le da un passaggio.

Un film che è stato criticato per i ridicoli effetti speciali ma rivalutato dalla critica, perché il regista ha sempre dovuto con budget ridicoli e tempi ristretti, se Ed Wood avesse avuto più soldi sarebbe riuscito a realizzare un film migliore.







ERRORI PRESENTI NEL FILM ED WOOD:



1) Il film inizia con un narratore esterno che risulta poco credibile, agli occhi dello spettatore, perché si muove in modo poco realistico.
2) Gli attori ingaggiati nel film, non sono  bravi nel recitare, perché si tratta di gente comune , che non ha studiato recitazione. Gli attori sembrano leggere le battute del copione.
3)Sono evidenti nel film scene prese da documentari, inserite nella pellicola per lo scarso budget.
4) Da notare che nelle scene di giorno appare l'attore Bela Lugosi, invece nelle scene di notte Tom Mason.
5) Inoltre il disco volante che appare nel film è chiaramente finto , e si vedono dall'alto i fili che lo sostengono.



Nonostante tutto questo sia molto ridicolo, non disprezziamo questo regista  che aveva molte idee, ed ha avuto il merito di aver creato l'icona del personaggio di Dracula con parte del volto coperta dal mantello.


Ritornando a Tim Burton, quest t'ultimo rispetta molto questo personaggio, dichiarando che nel film  Edward Mani Di Forbice, scelse il nome Edward in onore a Ed Wood.




Tim Burton regista di Ed Wood





LO SAPEVI CHE?


ED WOOD

 Tim Burton insoddisfatto dell'interpretazione di Vincent D'Onofrio, decide di farlo doppiare in versione originale da Mauricie LaMarche.

- Nel film ED WOOD non ci sarà più la collaborazione con Danny Elfman, perché è stato preferito Howard.

- il sodalizio ED WOOD/ LUGOSI  sembra quello tra BURTON/ VINCENT che incarnava l'inventore di Edward Mani Di Forbice.





SCENE VS SCENE ED WOOD INCREDIBILE! E' UGUALE









TRAILER ED WOOD TIM BURTON










TRAILER PLAN 9 FROM OUTHER SPACE










Share: